Quadriennale di Roma, la storia e la 17^ mostra di ottobre

di Romano Maria Levante

Affollata presentazione della “Quadriennale di Roma”  il 12 febbraio 2020 al Tempio di Adriano,  con la platea contornata dai posti in piedi gremiti.  Tale partecipazione, che ha visto i posti a sedere  completamente occupati ben prima dell’inizio, indica l’aspettativa per le novità attese e per le preziose anticipazioni che si sperava di avere sulla mostra in programma per il  mese di ottobre 2020.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-sala-2.jpg
Presentazione, al microfono il presidente Umberto Croppi

La novità nella presentazione, istituzionale e non artistica

Possiamo dire che questa attesa, almeno per quanto ci riguarda,  è andata inizialmente delusa, dato che se “sotto il sole” di Roma qualcosa “di nuovo” c’è stato,  era “anzi d’antico”, con la rievocazione delle precedenti mostre fatta dal presidente Umberto  Croppi, mentre l’esposizione del direttore artistico Sarah Cosulich ha ripetuto notizie ben note sull’impostazione del programma della Quadriennale in tre linee: due per il sostegno, con la formazione, degli artisti contemporanei italiani e per la loro promozione all’estero, la terza sull’impostazione generale dela 17^ mostra della Quadriennale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadrienn-1-sala.jpg
Presentazione, il presidente onorario Franco Bernabè seduto in prima fila al centro, il terzo della fila con alla dx appena visibile Jas Gawronski, anch’egli già presidente della Quadriennale.

Ai programmi di sostegno e promozione, infatti, era stata dedicata una presentazione presso l’ex GIL dell’allora presidente Franco Bernabè nel marzo 2018,  con la Cosulich da lui nominata Direttore artistico della Fondazione  incaricata di curare la prossima mostra assistita da un altro curatore scelto da lei, Stefano Collicelli Cagol. Presentazione esauriente quella di allora, seguita dai comunicati sull’espletamento concreto dei vari momenti di un percorso basato su qualificati “workshop”  formativi  all’interno e su sostegni finanziari mirati alla nostra presenza all’estero. Si sono ripetute in estrema sintesi  linee e realizzazioni  ormai acquisite come “aggiornamento” e prosecuzione di una storia gloriosa anch’essa reiterata  essendo già nota, almeno agli addetti ai lavori; la cui ripetizione  ha potuto far pensare a un modo di sopperire alla difficoltà di fornire una maggiore informazione sulla mostra di ottobre, restata del tutto in ombra, anche se l’effetto può essere stato comunque positivo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-Sala-3.jpg
Presentazione, il presidente Croppi con il direttore artistico
Sarah Cosulich al termine mentre rispondono alle domande

Una giustificazione ci sentiamo di avanzarla, collegandoci a quella che è stata la vera “novità” della presentazione: la sottolineatura del ruolo dei tre “partner istituzionali”, forse per la prima volta nella storia recente intervenuti tutti e tre con i propri rappresentanti che hanno preso la parola: oltre al presidente della  Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti, padrone di casa, a nome di Roma capitale l’Assessore alla Crescita culturale e  Vice sindaco Luca Bergamo, a nome della Regione Lazio il Capo di Gabinetto del Presidente della Regione Albino Ruberti, a nome del  Ministero per i Beni e le Attività culturali e il Turismo il Direttore generale Creatività contemporanea Nicola Borrelli e il sottosegretario Lorenza Bonaccorsi.  Presenze, tuttavia, per lo più a livello tecnico-funzionale, anche se elevato e molto qualificato; sono mancati i vertici istituzionali, dei quali  abbiamo notato l’assenza.

La “foto opportunity” finale della presentazione, da sin. a dx, Cosulich e Croppi, poi Luca Bergamo per il Comune di Roma e Lorenzo Tagliavento per la Camera di Commercio, Lorenza Bonaccorsi e Nicola Borrelli per il MiBACT,
ultimo a dx Albino Ruberti per la Regione Lazio

Questo perchè il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti partecipava sempre con un proprio intervento alle presentazioni delle mostre a Palazzo Incontro allorché era presidente della Provincia di Roma, lo ricordiamo a quella su “Pasolini”, e la sindaca Virginia Raggi l’abbiamo vista alla fine del 2018 presente con un proprio intervento alla presentazione della mostra “Vite spezzate” al Museo della Shoah. A parte tali assenze, ancora meno comprensibile quella del ministro Dario Franceschini,  chissà se dovuta alla sostituzione del Presidente della Quadriennale, da lui nominato, da parte del successore ministro Bonisoli, sostituzione che potrebbe averlo sconcertato, come tanti, perchè avvenuta non solo in extremis, ma anche a un anno dalla mostra su cui aveva tanto lavorato il presidente non confermato.

“La “foto opportunity” della presentazione della Quadriennale del 2016 con al centro il ministro del MiBACT Dario Franceschini, alla sua dx l’allora presidente della Quadriennale Franco Bernabè e alla sua sin. il Commissario dell’Azienda Speciale Palaexpo Innocenzo Cipolletta, ai loro lati gli 11 curatori delle 10 sezioni della mostra

Abbiamo notato l’assenza del Ministro sia perché non manca mai a queste  manifestazioni – lo ricordiamo alla presentazione della recente mostra sui “Fumetti nei Musei” in cui ha preso la parola non in modo rituale intervenendo nel merito nell’ultima mostra e in quella precedente – sia perché non solo partecipò alla presentazione della precedente Quadriennale di Roma nel giugno 2016, ma volle che si svolgesse presso il Ministero per marcare il proprio coinvolgimento; come ha fatto molto di recente, prcisamente il 24 febbraio, con la presentazione al Ministero  della  mostra su Raffaello, anche se poi non è potuto intervenire all’insorgere dell’emergenza.   Comunque, è prestigiosa la sede scelta per presentare la 17^  Quadriennale, il Tempio di Adriano, pur senza la cornice istituzionle attesa.

Un momento del “workshop” Q-Rated , Milano, Hangar Bicocca, marzo 2019

La  presentazione della  16^ Quadriennale ebbe carattere  istituzionale soltanto per la sede ministeriale, nel contenuto il suo carattere fu artistico: gli 11 curatori prescelti in base a una accurata selezione, esposero, cone ampie motivazioni, i temi che sarebbero stati declinati dagli artisti da loro indicati per la mostra dopo quattro mesi, dal titolo “Altri tempi, altri miti”. Furono illustrati da loro i nuovi “miti” per i “tempi” mutati suscitando interesse e creando aspettative per come tutto ciò avrebbe trovato risposta negli artisti espositori.  Fu un esaltante “workshop”  di tipo artistico, nulla di rituale sebbene si svolgesse nella sede ministeriale alla quale i temi trattati nell’incontro avevano tolto la sua connotazione abituale.

“Positions # 4” di Alessandro Puoti e Dandi Hilal, dall’esposizione
al Abbemuseum di Eindhoven con il sostegno di Q- International , 2018

E’ quanto mai espressiva al riguardo l’immagine conclusiva, con il ministro Dario Franceschini e il titolare del  Palazzo delle Esposizioni sede della mostra che veniva illustrataa, Innocenzo Cipolletta,  insieme all’allora presidente della Fondazione Quadriennale di Roma Franco Bernabè circondati dagli 11 curatori; l’analoga foto della nuova presentazione vede invece il nuovo  presidente della Fondazione Umberto Croppi con il direttore artistico Sarah Cosulich circondati dai rappresentanti di Comune, Regione, Ministero, più  Camera di Commercio,  quasi in una riappropriazione dell’arte da parte delle istituzioni, bene  se vista come sostegno, male se come ingerenza e burocratizzazione in un arretramento rispetto all’impostazione precedente.

1^ Quadriennale del 1931, il Manifesto

Nulla di inappropriato crediamo vada addebitato al presidente Umberto Croppi, sensibile su questo piano facendo già parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, presidente di Federculture, già  Assessore alla cultura del Comune di Roma. Anche perché è stato nominato dal ministro MiBAC Bonisoli il 7  agosto 2019, alla vigilia della caduta del governo,  quando i programmi della presidenza  Bernabè erano  in fase di attuazione da tre anni e la strada verso la mostra dell’ottobre 2020 era segnata e in buona parte già percorsa.  La sua repentina nomina, a poco più di un anno dalla celebrazione della mostra per la quale aveva lavorato il presidente da lui sostituito, è sembrata fuori tempo, sarebbe apparso ben più  logico attendere il compimento del  lavoro fino ad allora svolto.  E’ stato come se si fosse sostituito il Commissario tecnico della Nazionale di calcio a pochi mesi dall’inizio dei campionati mondiali od europei, non per demeriti – nel qual caso sarebbe stato doveroso – ma per la mera scadenza temporale superabile con una “prorogatio” se non si intendeva confermare.

, 1^ Quadriennale, Enrico Prampolini, “L’automa quotidiano“, 1930

Ed è qui, forse, l’origine dell’incongruenza ora evidenziata, la scadenza quadriennale della nomina di Bernabè nell’agosto 2019 doveva portare a una riconferma almeno temporanea fino alla mostra che sarà aperta nell’ottobre 2020; in tal modo si sarebbe potuta ricondurre stabilmente la scadenza dell’incarico al termine della mostra che ne rappresenta in un certo senso il culmine. Non si è fatto questo, e il presidente Croppi si troverà con la spada di Damocle  della possibile sostituzione al termine del mandato nell’agosto 2023, prima di aprire la prossima mostra dell’ottobre  2024, rischiando di non poterne realizzare appieno nessuna, dato che quella del 2020  reca l’impronta del predecessore, un paradosso che  non gli auguriamo. Speriamo che quest’esperienza sia istruttiva per tutti, e le istituzioni pongano rimedio alla plateale, inammissibile contraddizione tra impegno reale e scadenza formale.

1^ Quadriennale, “La sala dei futuristi, in primo piano
Ernesto Thayaht, “La vittoria dell’aria”, 1930

Croppi ne è stato talmente consapevole che non solo ha accettato l’incarico nel segno della continuità, ma  nel primo Consiglio di amministrazione da lui presieduto nel’ottobre 2019 ha nominato Bernabè Presidente onorario della Fondazione. E ne ha riconosciuto il ruolo decisivo svolto nel rilanciarne l’attività, sebbene anch’egli fosse stato nominato nel 2015, una anno prima della data della 16^ mostra; ma si veniva da un vuoto di otto anni, non essendosi svolta la mostra della Quadriennale nel 2012, in parte “surrogata” dal “Padiglione Italia” della Biennale di Venezia con appendice romana,  curato da Vittorio Sgarbi nel 2011 in modo innovativo nella selezione degli artisti nei 150 anni dell’Unità d’Italia. Vediamo Bernabè in prima fila alla Presentazione, nel segno della continuità assicurata dal successore. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 02-II-Quadriennale-1935-Giardino-dinverno-1.jpg
2^ Quadriennale del 1935, “Giardino d’inverno”,
Foto Giacomelli Carbone Venezia Roma

Cosi forse si spiega il modo con cui è impostata la presentazione  dell’evento quadriennale, il presidente Croppi  ha parlato della storia retrospettiva della Fondazione, dell’impegno delle tre istituzioni, Ministero, Regione, Comune, e delle linee generali d’azione, non entrando in ciò che era stato preordinato dal predecessore come da lui esplicitamente sottolineato; vi è entrato parzialmente il direttore artistico Sarah Cosulich trattandosi dell’attività esercitata da lei nell’attuazione dell’incarico avuto in precedenza. Un comportamento obbligato e per certi versi meritorio,  quello di Croppi, ma  forse non era compito della presentazione ripetere programmi  già  noti e in parte attuati, e neppure reiterare una storia gloriosa, senza aggiungere quanto di nuovo si poteva fornire riguardo alla mostra dell’ottobre prossimo. Di qui la nostra sorpresa, ma forse ci ha tradito il ricordo di quattro anni fa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-deplian-2^-mostra.jpg
2^ Quadriennale, Lucio Fontana, “Atleta in attesa
(Campione olimpionico)”, 1931-32

Le anticipazioni sulla mostra di ottobre 2020 e i programmi di promozione in atto

Cominciamo a dare conto della presentazione andando a ritroso, cioè iniziando dalla parte finale,  precisando che è stata conclusa dagli interventi dei rappresentanti delle istituzioni, i quali  hanno ribadito il coinvolgimento diretto di Ministero, Regione e Comune nel rilancio della Quadriennale  di Roma  già avviato e in cui è impegnata appieno la nuova presidenza, come vedremo più avanti dall’intervento del presidente  Croppi. Le poche anticipazioni sulla mostra le ha date la Cosulich, come direttore artistico, con i programmi in corso per la “mappatura” dell’arte contemporanea in un confronto anche formativo con operatori qualificati e la promozione dei giovani artisti all’estero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-deplian-2^-mostra-2.jpg
2^ Quadriennale, Scipione, “Il Cardinal decano”, 1930

Sulla Mostra, che  inizierà il 1° ottobre 2020  dopo i canonici 4 anni dal 2016, e  resterà aperta tre mesi, le  sue anticipazioni sono state di carattere generale:  ha confermato la  sede storica, il Palazzo delle Esposizioni, e ha  preannunciato iniziative collaterali  – apposite “performance”  e uno “speciale evento d’inaugurazione”  – entro il calendario internazionale dell’arte che coinvolgeranno la città di Roma con la partecipazione della  rete di musei e istituzioni, fondazioni e gallerie  “unite in un progetto condiviso e di dimensione internazionale per presentare al mondo l’arte del nostro Paese”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 03-III-Quadriennale-1939-Inaugurazione.jpg
3^ Quadriennale del 1939, Inaugurazione con il re Vittorio Emanule III e altre autorità

I 30 artisti espositori sono stati selezionati nel triennio precedente  la mostra dalla Cosulich con il curatore Collicelli Cagol  mediante un’accurata ricerca svolta sul territorio  “nella consapevolezza  di dover restituire uno sguardo  contemporaneo plurale ed eterogeneo  ma coeso nelle sue connessioni”. L’intento è  fornire una rassegna delle molteplici espressioni dell’arte contemporanea  che vedono un pluralità di linguaggi multidisciplinari nella contaminazione delle arti visive con altre forme d’arte, dal teatro alla danza, dalla musica al film.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 04-IV-Quadriennale-1943-Allestimento-1.jpg
4^ Quadriennale del 1943, Allestimento. Foto Giacomelli

Ma non sembra limitata all’attualità immediata: “La mostra vuole ripensare la narrazione  dell’arte in Italia dagli anni Settanta ad oggi, anche in relazione ai contesti sociali, politici, tecnologici che l’hanno generata, individuando percorsi di lettura alternativi al canone storico-artistico predominante”  in stretto contatto con “i linguaggi multimediali della contemporaneità”. Verranno presentate “le ricerche, le poetiche, e gli immaginari di artisti di diverse generazioni” attraverso “progetti monografici in spazi dedicati”  nello speciale allestimento dei 4000 metri quadri nei due piani del Palazzo delle Esposizioni.  Temi in particolare rilievo “i giovani, le figure femminili, i vari orientamenti e le diverse identità sessuali, le sperimentazioni d’avanguardia”; aspetti particolari “il display, in relazione con l’archivio storico della Quadriennale  e la performatività della mostra”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 05-V-Quadriennale-1948.-Inaugurazione-1.jpg
5^ Quadriennale del 1948, Inaugurazione

Se si voleva suscitare curiosità sulla mostra con queste anticipazioni di massima in parte criptiche, ci si è riusciti; un’aspettativa diversa da quella indotta dalla presentazione della mostra della Quadriennale del  2016  nella quale, come abbiamo accennato,  furono copiosi i contenuti forniti dagli 11 curatori: allora l’attesa era di vedere come sarebbero stati tradotti nelle scelte dei singoli artisti che avrebbero dato corpo con le loro opere a  tali intendimenti, oggi l’attesa è anche sul tipo di contenuti.

5^ Quadriennale, Visitatori commentano un’opera esposta

Nella staffetta dalla 16^ alla 17^ Quadriennale c’è stata anche questa variante  comunicativa con il passaggio del testimone alla nuova presidenza:  quella uscente  ha compiuto l’iter preparatorio di tre anni con il direttore artistico e il curatore, e i due programmi di formazione all’interno e di promozione all’estero, illustrati nell’incontro del 13 marzo 2018 nella sede dell’ex Gil, e subito posti in esecuzione con l’effettuazione dei “workshop” con giovani artisti ed esperti internazionali e dei bandi per sostenere la partecipazione italiana alla mostre all’estero; quella attuale prosegue nel rilancio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è VI-Quadrienale-1951-52.-Allestimento.jpg
6^ Qudriennale del 1951-52, Allestimento. Foto Giacomelli

Per la “mappatura completa del contesto artistico italiano”  in vista dell’ imminente edizione della mostra Quadriennale,  è stato impostato nel 2017 e attuato  dal 2018 il programma “Q-Rated”  che promuove “un dibattito costruttivo e altamente formativo sui temi dell’arte contemporanea” mediante “workshop”  i quali mettono in contatto giovani artisti e curatori italiani con “figure internazionali di spicco del mondo dell’arte”.  Nello scorso biennio ne sono stati svolti tre annuali di 3 giorni ognuno in 3 città, nel 2018 a Roma il 3-5 luglio, a Lecce il 25-27 settembre, a Torino il 10-12 dicembre; nel 2019 a Milano il 26-28 marzo, a Nuoro il 3-5 luglio, a Napoli il 27-29 novembre.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è VII-Quadriennale-1955-56-Giacomo-Manzu-Grande-danzatrice.jpg
7^ Quadriennale del 1955-56, “In primo piano
Giacomo Manzù, ‘Danzatrice'”, 1954, bronzo. Foto Magis

Il programma di promozione dell’arte italiana all’estero,  “Q- International”, è volto al sostegno delle istituzioni straniere mediante l’erogazione di un finanziamento  di supporto per ottenere l’esposizione nelle loro mostre di opere di artisti italiani; viene attuato  con un bando semestrale cui segue il vaglio delle candidature da parte di un comitato composto dal Presidente della Fondazione, dal Direttore artistico e dal curatore, più tre illustri esterni, Cristiana Collu direttore della Galleria Nazionale di Roma, Pietroiusti presidente del Palazzo delle  Esposizioni e artista, Villani responsabile del Centro  di Ricerca Castello di Rivoli.   Ai 4 bandi del 2018-19 è seguito il finanziamento a 34 organizzazioni tra le 140  partecipanti;  altri 2 bandi sono previsti per il 2020.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-deplian-7^-mostra-1.jpg
7^ Quadriennale, Alberto Burri, “Sacco e Rosso”, 1954

La Cosulich ne ha fatto un’ampia esposizione con la soddisfazione di aver potuto realizzare il programma in base al quale era stata nominata dopo la selezione per il Direttore artistico.  

Le direttrici di sviluppo della Quadriennale

Il presidente Umberto  Croppi è partito dalla storia della Quadriennale per tracciarne le linee di sviluppo nell’impegno per il rilancio già in atto con il concreto avvio dei  programmi sopra citati  che vengono mantenuti;  per l’ulteriore crescita si fa affidamento sui tre partner istituzionali i cui rappresentanti sono intervenuti  per sottolineare la vicinanza attiva di Ministero, Regione, Comune. La lunga storia di 90 anni di presenza molto importante  nell’arte italiana ha consentito di accumulare testimonianze preziose  sull’evoluzione artistica del ‘900.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è VIII-Quadriennale-1959-60-Leoncillo-Leonardi-Ritratto-di-Titina-Maselli.jpg
8^ Quadriennale del 1959-60, Leoncillo Leonardi, “Ritratto di Titina Maselli”, 1945, ceramica. Foto Giacomelli. Venezia

In poco meno di un secolo si è accumulato uno straordinario “archivio specialistico che ha pochi uguali nel mondo”: 14.000 fascicoli di documentazione sugli artisti del ‘900, 2.000 fascicoli e registri, 30.000 immagini fotografiche, 400 video, 1.000 manifesti, oltre a 40.000 volumi, 2.150 riviste d’arte, 10 fondi archivistici e 9 fondi librari donati alla Fondazione. Si aggiunge l’attività editoriale con due collane,   “Quaderni della Quadriennale” e  “Archivi dell’Arte contemporanea”,  oltre a una diecina di opere monografiche. Inoltre 2.700 opere vendute nelle mostre per le raccolte di importanti  istituzioni pubbliche e private, 100 esposizioni all’estero, dall’Europa alle Americhe, al Giappone, Cina e Australia, con la diffusione dell’arte contemporanea italiana nei continenti.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IX-Quadriennale-1964-65-Mimmo-Rotella-Lo-schermo.jpg
9^ Quadriennale del 1960-65,
Mimmo Rotella, “Lo schermo” , 1965,
foto emulsione su tela. Foto Oscar Savio

Per  l’immediato futuro si aggiunge la grande novità della nuova sede assegnata nel marzo 2018 alla Quadriennale dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e il Turismo: il settecentesco Arsenale Pontificio di Clemente  XI  in un piazzale di 4.000 metri quadri lungo il Tevere nei dintorni di Porta Portese  con tre antiche costruzioni,  il Magazzino del sale, le Corderie  e l’Arsenale, un edificio di 1.000 mq con due navate sovrastate da arcate  a sesto acuto dove passavano le navi.  Il progetto di restauro già finanziato e affidato all’impresa vincitrice del concorso – lo studio Insula, società di architettura, progettazione  urbana e ingegneria –  sarà completato nel 2022 e allora si avrà il trasferimento dalla prestigiosa ma decentrata e  ristretta  Villa Carpegna  nella nuova sede  i cui ampi spazi consentiranno di svolgere “in loco” attività artistiche;  il tutto  in un’area nevralgica della città che verrà riqualificata nel “più importante intervento di rigenerazione urbana in corso nella Capitale”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è X-Quadriennale-1973-Manzoni-1.jpg
10^ Quadriennale del 1972-77, “La ricerca estetica dal 1960 al 1970” ,
“Sala dedicata a Pietro Manzoni”

Quali sono, dunque, le principali linee di sviluppo dell’attività della Quadriennale nel programma per il prossimo quadriennio? Sono state indicate  da Croppi  le direttrici  in cui trovano posto i programmi di cui ha parlato il direttore artistico Cosulich.  La direttrice fondamentale è il ritorno della Quadriennale  “al suo spirito originario di strumento in cui gli artisti siano  al centro della sua attività”, non solo come destinatari delle iniziative, ma direttamente “coinvolti nella costruzione dei suoi indirizzi e degli eventi prodotti”; in tal modo la Fondazione  diventa un  riferimento per il “sostegno della produzione artistica e la selezione di talenti“ anche come punto di incontro di artisti e collezionisti. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-deplian-10-^-mostra.jpg
10^ Quadriennale, Lucio Fabro, “Italia d’oro“, 1971

In relazione a ciò si muove  la direttrice di promuovere il contesto socio-economico e culturale costruendo “una rete stabile di relazioni e coordinamento con le altre istituzioni del contemporaneo, sia pubbliche che private, con le fondazioni, le gallerie, le associazioni, gli studi, le scuole”. Questo  in un’accezione molto vasta che oltre alle arti visive abbraccia musica, danza, teatro e non è limitata all’ambito nazionale ma intende aprirsi alle istituzioni internazionali, cominciando da quelle presenti a Roma, e considerando soprattutto le aree cruciali per la valorizzazione degli artisti. Sarà sviluppata un’attività di studio e ricerca, con sbocchi anche editoriali per la diffusione della conoscenza dell’arte, in collaborazione con università, accademie e istituti di formazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è XI-Quadriennale-1986.-Facciata.jpg
11^ Quadriennale del 1986, Facciata della sede eccezionale, il Palazzo dei Congressi

L’ulteriore direttrice riguarda le risorse e il coinvolgimento nei progetti delle istituzioni economiche e finanziarie, e  viene declinata ponendo la Quadriennale come “punto di riferimento per aziende e fondazioni bancarie, nel potenziare l’utilizzo dell’arte nella cultura d’impresa”. A tal fine  verranno individuati dei partner, uno principale ed altri minori, non solo con finalità di sostegno economico  in aggiunta alle normali sponsorizzazioni,  ma per “costituire una comunità più direttamente coinvolta nella vita della Fondazione”. Sarà predisposto anche “un piano di membership, con focus immediato la mostra del 2020” che prevede  sei figure di appassionati: amico e amico sostenitore, partner sostenitore e partner onorario, mecenate sostenitore e mecenate onorario, con sottoscrizioni individuali crescenti in relazione alla qualifica e ai benefici  connessi di varia natura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-deplian-12^-mostra.jpg
12^ Quadriennale del 1992-96, Veduta della mostra con un’opera in primo piano

Il presidente Croppi ha concluso così la propria presentazione  dopo aver sottolineato l’impegno suo, del  Consiglio di amministrazione e dei collaboratori  nel prendere “il testimone da illustri predecessori”: “Il futuro e il successo saranno però assicurati soltanto dalla capacità di raccogliere il consenso, lo stimolo e l’attiva partecipazione del vasto mondo che anima questo territorio della vita italiana, a cominciare da coloro da cui e per cui la Quadriennale fu concepita: gli artisti”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è XII-Quadriennale-1996-Stefano-Arienti.jpg
12^ Quadriennale, sul tema “Ultime generazioni”
Stefano Arienti,”Senza titolo”, 1996, stampa su carta intelata a trasferimento elettrostatico da diapositiva graffiata. Foto di Giuseppe Schiavinotto

La storia gloriosa dei 90 anni della Quadriennale   

Nel suo intervento Croppi ha rievocato i 90 anni della Quadriennale con accenti  appassionati che hanno elevato  il tono della manifestazione; noi ci limitiamo a citare una serie di  nomi di artisti presentati o “scoperti” nelle mostre succedutesi  ogni quadriennio con delle pause e delle varianti in particolari periodi, fino alla 16^ edizione del 2016, in attesa della 17^ del prossimo ottobre 2020.  

12^ Quadriennale, Vanessa Beecroft, “Lotte”

La sede per quasi tutte le edizioni è stata il Palazzo delle Esposizioni, con la sua architettura monumentale, i due piani, la rotonda centrale e la raggiera di gallerie espositive tutt’intorno.

Cominciando dagli anni ’30, la 1^edizione  del 1931  fu una vetrina di grandi maestri,  Bartoli e Carena, Carrà e Casorati,  Sironi e Tosi,  Thayaht e  i Futuristi, come la 2^ edizione del 1935, in cui ai grandi artisti affermati   de Chirico e de Pisis, Marini e Messina, Rossi e Severini con una personale di 36 opere, si aggiunsero le nuove scoperte che rispondono ai nomi di Afro e Cavalli, Cagli e Capogrossi, Gentilini e Mafai,  Pirandello e Ziveri. Le altre due edizioni del decennio  furono in tono minore, nella 3^ edizione del 1939 vi fu comunque una personale di Giorgio Morandi con 53 opere, e la 4^ edizione del  1943 si svolse nonostante il conflitto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è XIII-Quadriennale-1999-Luigi-Ontani-CainAbele-1997-1999-1.jpg
13^ Quadriennale del 1997-99, Luigi Ontani, “Caino e Abele” ,
ceramica policroma, 1999. Foto di Guido Guidotti

Nel 1948, la 5^ edizione, prima Quadriennale postbellica, pur se di transizione,  fu ugualmente una rassegna delle tendenze in atto ed ebbe  al centro il dibattito artistico tra astrattisti e realisti, con protagonista Guttuso,  ci fu anche la presenza dei neocubisti.

Dal 1950 al 1983 quella che viene chiamata “era Bellonci” – il segretario generale per  oltre un trentennio – è impegnata nell’approfondimento storico-critico dell’arte italiana, anche attraverso l’attività editoriale dei “Quaderni della Quadriennale” e degli “Archivi dell’Arte contemporanea”;   oltre ai singoli artisti il Divisionismo,  Futurismo e Liberty  sono oggetto di una ricerca accurata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è XIV-Quadriennale-2005-In-primo-piano-Jacob-Hashimoto-Water-Block-4.0.jpg
14^ Quadriennale del 2005, in “Fuori tema” in primo piano
Jacob Hashimoto, “Water Block4.0”, 2003,
poliuretano ad alta densità verniciato. Foto di Lorenzo Abbate

Tra  il 1952 e il 1960,  la 6^, 7^ e 8^ edizione portano alla ribalta le radicali innovazioni dei “sacchi” di Burri e delle lacerazioni spaziali di Fontana, e i grandi astrattisti  Birolli e Corpora,  Morlotti e Santomaso, Turcato e Vedova.  Mentre la 9^ edizione, del 1964, si spinge ancora più avanti con l’arte cinetica, visuale e programmata, neodada e  pop, dei  Gruppi 1 e T e degli artisti Angeli e Festa, Marotta e Rotella, in un rassegna con 750 espositori e 3000 opere.

Negli anni ’70 una variante organizzativa: la 10^ edizione  è articolata in 5 mostre, dal 1972 al ’77, gli artisti partecipano su invito, non ci sono premi per effetto del clima post ’68;  nella  mostra del 1973 sono rappresentati tutti i movimenti del decennio1960-70, neodada e pop art, arte povera  e arte programmata, environment,  happening, comportamentismo.

Una mostra negli anni ’80, l’11^ edizione del 1986, eccezionalmente al Palazzo dei Congressi all’Eur, con un “excursus” storico del trentennio 1950-80 e 6 sezioni tematiche sulle nuove tendenze.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-deplian-14^-mostra.jpg
14^ Quadriennale, Michelangelo Pistoletto, “Il nuovo segno di infinito”, 2005

Negli anni ’90  si inizia con mostre di grande valore, sulla Secessione romana 1913-16 e sulla retrospettiva di Prampolini nel 1992, a cura di Enrico Crispolti; e si programma la 12^ edizione sul tema “Italia 1950-1999” articolata in tre fasi delle  quali viene realizzata soltanto la prima nel 1992, “Profili”, con 33 artisti delle tendenze più originali ed espressive dell’arte italiana. Segue un profondo rinnovamento nello Statuto e nella direzione, alla presidenza va Lorenza Trucchi, viene introdotta la carica di Direttore generale dedicata alla gestione complessiva dell’organizzazione, funzione ben diversa da quella del Direttore artistico nominato per la Quadriennale del 2016.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 15a-Quadriennale-2008-Allestimento.jpg
15^ Quadriennale del 2008, Veduta del colonnato,
Foto di Giorgio Benni

Nel 1996 la mostra “Ultime generazioni” presenta le nuove leve di artisti milanesi e bolognesi, come Arienti e Airò, Bartolini e Beecroft,  Cattelan e Manzelli, Moro, Todero e Tosi, romani come Carone e Pietrolustri,  della scuola di San Lorenzo come Dessì, Nunzio, Pizzi Cannella, e i giovani Basilè, Pintaldi, Salvino. Teodori. La 13^ edizione del 1999, dopo la mostra “Valori plastici” nel 1998, chiude il millennio, e si avvia la sistemazione dell’“Archivio storico” della Quadriennale; nello stesso anno da Ente autonomo diviene Fondazione,  sempre con la partecipazione del Ministero per i beni  culturali e del Comune di Roma, nel 2011 si aggiunge la Regione Lazio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MOSTRA-2016-prime-4.jpg
16^ Quadriennale del 2016-17, sul tema “Ehi voi!”
Patrick Tuttofuoco, “Portraits (Christian)”, 2016

Anche la 14^ edizione, come  era stato per la 12^, viene articolata in tre mostre per il triennio 2003-05, due “Anteprime” eccezionalmente fuori Roma, a Napoli nel 2003 e a Torino nel 2004, dedicate a giovani artisti come Beninati  e Bertocchi, Biscotti e Demetz, Favalli e Stampon e la conclusione a Roma nel 2005 alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna con 100 artisti attivi e due retrospettive: alla ribalta diverse generazioni, dagli affermati Rotella, premiato alla carriera, ai giovani Roccasalva,  Simeti, Vezzoli. Non solo le arti tradizionali come la pittura, che vede anche Cingolani, De Maria e Giovannoni, e la scultura, con Cerone, Mondino, Zorio; ma anche  la fotografia con Ontani e Pivi, le installazioni con Airò, Mocellin-Pellegrini, i video con Favaretto, Migliora, Sighicelli. Nel 2004 riprende la pubblicazione dei “Quaderni della Quadriennale”, si organizza il convegno “Arte e cultura negli anni ‘90”, e  la Fondazione si trasferisce nella sede di Villa Carpegna.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 16^-QMOSTRA-LLaocoocnte.jpg
16^ Quadriennale, sul tema “Cyphoria” Quayola , “Lacoon #20-Q1″, 2016

Con il 2008 la 15^ edizione che, a differenza della precedente aperta fino agli artisti degli anni ’60 ancora attivi, è riservata agli artisti affermati dagli anni ‘90: premiati Cattelan alla carriera, Ligorio e Paci.  L’interesse alle nuove generazioni porta nel 2009  ai tre appuntamenti “Artista chiama artista”, e per il centenario del Futurismo  viene pubblicata un’edizione aggiornata degli “Archivi del Futurismo”.

Siamo al 2016, con la 16° edizione dopo un intervallo di 8 anni, perchè la mostra che doveva esserci nel 2012 non si è tenuta, al suo posto  la pubblicazione “Terrazza. Artisti, storie, luoghi, negli anni Zero” e soprattutto incontri e mostre a Villa Carpegna  “Arte in Italia. Le parole e le immagini”; d’altra parte il nuovo presidente Jas Gawronski era stato nominato solo nel mese di gennaio 2012.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 16^-mostra-Hymalaya.jpg
16^ Quadriennale, sul tema “La seconda volta” Marcello Maloberti, “Himalaya”, 2012

Analogo avvicendamento quasi “in extremis” con la nomina alla presidenza  nell’aprile 2015  di Franco Bernabè, che riesce ad organizzare per ottobre 2016 la 16^ edizione “Altri tempi, altri miti”, mobilitando dopo  un’accurata selezione  11 curatori che hanno scelto gli  artisti della generazione del 2000 come migliori interpreti dei motivi più attuali enunciati nella presentazione;  sono state premiate le  giovani Biscotti e Huani-Bey. A seguire, dopo la mostra, la nomina del Direttore artistico con l’altro Curatore, e l’avvio dei due programmi “Q-Rated” e “Q-International”, di cui si è detto in precedenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-deplian-Guttuso1print.jpg
Anno 1975, dal Fondo Lorenza Trucchi, qui con Fellini, Guttuso, Manzùo.

A conclusione di questo evocativo “excursus” artistico delle Quadriennali, alla delusione iniziale per non aver avuto anticipazioni sui contenuti della prossima mostra di ottobre del tipo di quelle avute per la mostra precedente, subentra un appagamento per aver potuto ripercorrere tanti momenti esaltanti della sua storia con i grandi artisti allora esordienti che si son fatti conoscere nelle esposizioni quadriennali. Basti pensare alle “scoperte” di  Guttuso a 20 anni, Dorazio e Perilli a 21, Fazzini a 22, Ziveri e Fioroni a 23,   Vedova a 24,  Cagli e Sanfilippo a 25,  De Dominicis, Senatore  e Biscotti a 26,  Beecroft, Festa, Lambri  e Tesi  a 27,  Guccio e Stucchi a 28,  Pirri e Zorro a 29 anni.

Una  storia nota, almeno nelle sue linee generali,  ma riviverla fa tornare alla memoria periodi indimenticabili sul piano artistico e socio-culturale nei quali il mutamento dei costumi è stato accompagnato da un’evoluzione dell’arte per merito di artisti anche giovanissimi, spesso con il sovvertimento di qualunque schema precostituito. Come nell’arte contemporanea attuale.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-Carpegna-print.jpg
La sede attuale della Fondazione Quadrienanle di Roma , Villa Carpegna

Questo non vuol dire ripiegamento sul passato, e il presidente Croppi lo ha detto esplicitamente: “Come ogni altro organismo la Quadriennale ha il dovere di ripensarsi costantemente, di misurarsi con le condizioni ambientali che mutano, con le nuove esigenze, con un più forte rapporto con la città e con gli operatori, con la persistente vitalità degli obiettivi, allo scopo di rafforzare sempre di più il suo ruolo  di promozione dell’arte italiana sia nel nostro paese che all’estero”.

Per questo il 2018-20 è stato definito “Ritorno al futuro”, sulla piattaforma  di lancio del passato glorioso, e ne vedremo i primi risultati nell’attesissima mostra del prossimo ottobre. Dare il merito al presidente Croppi  di averlo sottolineato con  forza nella presentazione al Tempio di Adriano, senza che abbiamo nascosto con sincerità una certa delusione iniziale, è  un atto doveroso ma che compiamo volentieri.  E non può mancare l’attesa che con la nuova sede funzionale nell’antico “Arsenale pontificio” la  saldatura passato-futuro sia un propellente quanto mai efficace; è il nostro augurio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Quadriennale-Arsenale-print.jpg
La sede futura della Fondazione, l’Arsenale Pontificio

Info

Tempio di Adriano, Piazza di Pietra, Roma. Fascicolo “La Quadriennale”, novembre 2019. Cfr. i nostri articoli, in www.arteculturaoggi.com: per la 16^ Quadriennale, 16 giugno, 24, 27 ottobre, 1°, 29 novembre 2016; per gli artisti citati, in questo sito Cagli 5, 7, 9 dicembre 2019, de Chirico 22, 24, 26 novembre, 3, 5, 7, 9, 11, 13, 15, 18, 20, 22 settembre, 25, 27, 29 novembre 2019, e la mostra citata con il ministro Franceschini “Fumetti nei Musei” 2 gennaio 2020; in www.arteculturaoggi.com, Guttuso 26 luglio 2018, 16 ottobre 2017, 27 settembre, 2, 4 ottobre 2016, 25, 30 gennaio 2013; Futuristi 7 marzo 2018, Pirri 10 maggio 2017, Thayaht 27 febbraio 2017, Sironi 2 novembre 2015, 14, 29 dicembre 2014, Morandi 17, 25 maggio 2015, Deco-Liberty 1, 14, 23 novembre 2015, Secessione 21 gennaio 2015, Fioroni 1° gennaio 2014, Padiglione Italia 8, 9 ottobre 2013, Astrattisti 5, 6 novembre 2012, Marotta 13 ottobre 2012, e le mostre citate con il sindaco di Roma Raggi su “Vite spezzate” al Museo della Shoah 11 ottobre 2018 e con il presidente della Provincia di Roma Zingaretti su “Pasolini” 11 e 16 novembre 2012; in cultura.inabruzzo.it, Dada e surrealisti 6, 7 febbraio 2010, Futuristi 30 aprile, 1° settembre, 2 dicembre 2009, de Chirico 27 agosto, 23 settembre, 22 dicembre 2009, Sironi 26 gennaio 2009.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Q16-Quadriennale-2016.jpg
La sede delle mostre Quadriennali, il Palazzo delle Esposizioni, 2016, Foto OKN Studio

Foto

Le immagini che danno conto della Presentazione – di cui una per la presentazione della mostra precedente – sono state riprese da Romano Maria Levante (n. da 1 a 5); le immagini di Q-Rated e Q-International, della sucessione delle Quadriennali dal 1931 al 2008 e delle sedi della Fondazione sono state fornite dalla stessa Fondazione, alcune attraverso il fascicolo “La Quadriennale” distribuito alla Presentazione (le n. 6, 7 , 9, 12, 13, 19, 23, 25, 27, 30, 35), altre trasmesseci direttamente su nostra richiesta con una cortesia di cui ringraziamo vivamente; (le n. 8, 10, 11, da 14 a 18, da 20 a 22, 24, 26, 28, 29, da 31 a 34), nelle quali riportiamo la didascalia fornitaci, meno il sigillo che citiamo ora “una tantum” valido per tutte, “Courtesy Fondazione La Quadriennale di Roma”); le immagini sulla Quadriennale del 2016 (da n. 31 a 33) sono di Romano Maria Levante, tratte da tre dei 5 suoi articoli sopra citati su tale mostra. In apertura, la Presentazione, la sala vista dal fondo mentre è al microfono il presidente Umberto Croppi, seguita da una ripresa frontale in cui si intravede il presidente onorario Franco Bernabè seduto in prima fila al centro, il terzo della fila con alla dx appena visibile Ias Gawronski, già presidente; poi, il presidente Croppi con il direttore artistico Sarah Cosulich al termine mentre rispondono alle domande, e la “foto opportunity” finale della presentazione, da sin. a dx, Cosulich e Croppi, poi Luca Bergamo per il Comune di Roma e Lorenzo Tagliavento per la Camera di Commercio, Lorenza Bonaccorsi e Nicola Borrelli per il MiBACT, ultimo a dx Albino Ruberti per la Regione Lazio; quindi la “foto opportunity” della presentazione della Quadriennale del 2016 con al centro il ministro del MiBACT Dario Franceschini, alla sua dx l’allora presidente della Quadriennale Franco Bernabè e alla sua sin. l’allora Commissario dell’Azienda Speciale Palaexpo Innocenzo Cipolletta, ai loro lati gli 11 curatori delle 10 sezioni della mostra; inoltre un momento del “workshop” Q-Rated , Milano, Hangar Bicocca, marzo 2019, e “Positions # 4” di Alessandro Puoti e Dandi Hilal dall’esposizione al Abbemuseum di Eindhoven con il sostegno di Q- International, 2018; inizia la successione delle 16 edizioni, 1^ Quadriennale del 1931, il Manifesto, e 2 opere, Enrico Prampolini, “L’automa quotidiano” 1930, e “La sala dei futuristi, in primo piano Ernesto Thayaht, “La vittoria dell’aria” 1930; poi, 2^ Quadriennale del 1935, “Giardino d’inverno”. Foto Giacomelli Carbone Venezia Roma, Lucio Fontana, “Atleta in attesa” (Campione Olimpionico) 1931-32, Scipione, “Il Cardinal decano” 1930; quindi, 3^ Quadriennale del 1939, Inaugurazione con il re Vittorio Emanuele III e altre autorità, e 4^ Quadriennale del 1943, Allestimento. Foto Giacomelli; inoltre, 5^ Quadriennale del 1948, Inaugurazione, Visitatori commentano un’opera esposta, 6^ Quaadriennale del 1951-52, Allestimento. Foto Giacomelli; ancora, 7^ Quadriennale del 1955-56, “In primo piano Giacomo Manzù, ‘Danzatrice'” 1954, bronzo, Foto Magis, e Alberto Burri, “Sacco e Rosso” 1954; segue, ‘8^ Quadriennale del 1959-60, Leoncillo Leonardi, “Ritratto di Titina Maselli”, 1945, ceramica. Foto Giacomelli Venezia, e 9^ Quadriennale del 1960-65, Mimmo Rotella, “Lo schermo” 1965, foto emulsione su tela. Foto di Oscar Savio; poi, 10^ Quadriennale del 1972-77, sul tema “La ricerca estetica dal 1960 al 1970” , la “Sala dedicata a Pietro Manzoni” e Lucio Fabro, “Italia d’oro” 1971; quindi, 11^ Quadriennale del 1986, Facciata della sede eccezionale, il Palazzo dei Congressi, e 12^ Quadriennale del 1992-96, Veduta della mostra con un’opera in primo piano, e sul tema “Ultime generazioni” Stefano Arienti, “Senza titolo” 1996, stampa su carta intelata a trasferimento elettrostatico da diapositiva graffiata. Foto Giuseppe Schiavinotto, poi Vanessa Beecroft, “Lotte” ; inoltre, 13^ Quadriennale del 1997-99, Luigi Ontani, “Caino e Abele” 1999, ceramica policroma. Foto di Guido Guidotti, e 14^ Quadriennale del 2005, in “Fuori tema” Jacob Hashimoto, “Water Block4.0” 2003, poliuretano ad alta densità verniciato. Foto di Lorenzo Abbate, Michelangelo Pistoletto, “Il nuovo segno di infinito”, 2005; 15^ Quadriennale del 2008, Veduta del colonnato. Foto di Giorgio Benni, e 16^ Quadriennale del 2016-17, sul tema “”Ehi, voi!” Patrick Tuttofuoco, “Portraits (Christian)” 2016, sul tema “Cyphoria” Quayola, “Lacoon #20-Q1″ 2016, sul tema “La seconda volta” Marcello Maloberti, “Himalaya” 2012 ; completiamo la galleria delle Quadriennali con un’immagine “storica”, Anno 1975, dal Fondo Lorenza Trucchi, qui con Fellini, Guttuso, Manzù; infine, immagini delle Sedi della Fondazione Quadriennale di Roma, La sede attuale di Villa Carpegna seguita dalla Sede futura dell’Arsenale Pontificio e La sede delle mostre Quadriennali, il Palazzo delle Esposizioni, 2016. Foto OKN Studio; in chiusura, La sede della presentazione della 17^ Quadriennale, il Tempio di Adriano.  

La sede della presentazione della 17^ Quadriennale,
il Tempio di Adriano

Unisciti alla discussione

10 commenti

  1. Hello there, I found your blog by the use of Google at the same time as looking for a comparable topic, your web site got here up, it appears great. I’ve bookmarked it in my google bookmarks.

  2. We stumbled over here from a different page and thought I might check things out. I like what I see so i am just following you. Look forward to going over your web page yet again.|

  3. Great post. I used to be checking continuously this weblog and I’m impressed! Extremely useful info specifically the final section 🙂 I deal with such info a lot. I used to be seeking this particular information for a very long time. Thank you and best of luck. |

  4. Wonderful items from you, man. I have take note your stuff previous to and you’re simply extremely fantastic.
    I really like what you have bought here, really like what you’re
    saying and the way through which you assert it.
    You are making it entertaining and you still take care of
    to keep it smart. I cant wait to read far more from you. That is really a
    wonderful website.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *