Fotografia e arte, 3. Fotodinamismo e modernismo

di Romano Maria Levante

fotografia.guidaconsumatore.it – Fotografia con l’arte in mostra alla Gnam: fotodinamismo e modernismo

Dopo le opere degli esordi della fotografia del 1850 e quelle della fase successiva che culmina nel “pittorialismo” fino al 1920-30, di cui abbiamo dato conto in precedenza, la mostra “Arte in Italia dopo la fotografia” dal 21 dicembre 2011 al 4 marzo 2012 alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna  ha esposto le opere del fotodinamismo futurista e del modernismo che arriva al 1950, più le collezioni del cinquantennio fino al 2000: la rassegna di questa fase conclude la nostra visita.

Anton Giulio e Artura Bragaglia, 1914

Abbiamo ricordato Giacomo Balla nel periodo che arriva al “pittorialismo”, e si ritrova con 10 opere esposte nella sezione della mostra dedicata al “Fotodinamismo”che ne rappresenta un’evoluzione e si collega alla rottura futurista rispetto alle arti e in genere alle forme espressive del primo Novecento da cui non poteva non venire coinvolto anche il mezzo fotografico. Ciò avviene con la sua definitiva emancipazione dal supporto alla pittura che dà dignità artistica alla fotografia.

Balla negli studi sul volo delle rondini mostra attenzione alle fotografie di Marey sul volo di uccelli, e nel dipinto “Dinamismo di un cane a guinzagli” sembra influenzato dalle foto dei fratelli Bragaglia per i manifesti futuristi, esposte a Roma da Marinetti; anche Degas sembra ne fosse influenzato per le ballerine sospese a mezz’aria. Infatti ad Arturo e Anton Giulio Bragaglia si devono le ricerche fotografiche per il manifesto futurista e non solo: nel 1913 viene pubblicato il “Fotodinamismo futurista” di Bragaglia con 16 delle 30 tavole fotodinamiche create: dichiara di voler “realizzare una rivoluzione, per un progresso, nella fotografia, per elevarla veramente ad arte”, superando “la riproduzione fotografica del vero immobile o fermato in atteggiamento di istantanea”, nella sua “oscena e brutale realisticità statica”: per conferirgli “la espressione e la vibrazione della vita viva”.

Ghitta Carell, anni ’30

La spinta verso questa rivoluzione fu l’interesse del pensiero futurista per il movimento: la fotografia era in grado di renderlo mediante traiettorie e vibrazioni, scie luminose e lievitazioni che trascendevano la realtà ricercandone l’essenza mediante la destrutturazione e dematerializzazione conseguente al moto colto nel suo dinamismo esasperato. Questo proclamava il “foto dinamismo” futurista: non si trattava di costruire sequenze continue di tipo cinematografico con scatti a ripetizione, ma di fissare momenti estremi di inizio e fine del moto tra i quali gli intervalli esprimono il carattere inafferrabile della realtà dinamica inseguita dai futuristi; e questo con una lenta esposizione fotografica che crea scie e traiettorie deformando gli oggetti.

Nel movimento da un punto a un altro – sottolinea Rita Camerlingo – “il tempo, quarta dimensione, si traduce in spazio” e, nella filosofia di Henri Bergson, allontana dalla realtà per raggiungere l’essenza delle cose e “lasciare un ricordo”. l tre “Ritratti del pittore Francesco Trombadori” dei Bragaglia, esposti in mostra, rendono il fotodinamismo con le diverse teste in movimento vorticoso che coesistono sul tronco, delle quali solo quelle estreme sono ben visibili, la scia quasi nasconde e deforma le altre.

Italo Bertoglio, 1933

Il modernismo 

Molto diverso da queste avanguardie del tutto particolari, il “Modernismo” nella consapevolezza dell’autonomia estetica dell’opera fotografica vede su fronti opposti – scrive Maria Francesca Bonetti – “i sostenitori di una concezione ‘purista’ della fotografia, prevalentemente orientati verso la sperimentazione, con ricerche spesso spinte anche verso l’astrazione, e i fautori di una fotografia ‘artistica’ estetizzante e interpretativa, intesa piuttosto come ricerca formale libera e spregiudicata”; che usa tutte le tecniche di manipolazione e contaminazione con le altre arti “utili alla trasfigurazione e all’idealizzazione della realtà”. Per questo si muove “tra classicismo e astrazione”.

Sono anni, dal 1920 al 1950, in cui l’Italia si apre alle concezioni più avanzate in campo fotografico, come le astrazioni di Man Ray e il costruttivismo di Aleksander Rodcenko, il surrealismo di Blossfeldt e l’iperrealismo di Renger-Patzsch,per citare dei capofila, mediante le mostre internazionali e le esposizioni in varie città italiane, come fu nel 1931-32 dopo la pubblicazione del “Manifesto della Fotografia Futurista” a firma di Tato e Filippo Tommaso Marinetti. Non ci si limitava alle tematiche futuriste, il modernismo era presente nella concezione astratta e idealizzata.

Stefano Bricarelli, 1939

Ne abbiamo degli esempi nei ritratti esposti in mostra di Ghitta Carell, con Nobildonne e Donne esemplari, Gerarchi e Prelati, Imprenditori e Intellettuali, figure idealizzate al punto di ricercare una bellezza ideale trasformando con espedienti estetizzanti la realtà fisica fino alla mistificazione, interpretando in questo la mistica del fascismo pur se l’adesione al regime è molto dubbia essendo lei ebrea. Intenti realizzati con le luci morbide e chiare intorno al soggetto, come fa anche Arturo Ghergo, mentre Luxardo prediligei toni cupi e le forme plastiche con intensi chiaroscuri. Mario Bellavista, addirittura, teorizzò per il fotografo moderno “la missione di educazione nazionale attraverso la glorificazione estetica” del fascismo e indicò anche i temi attraverso cui realizzarla: temi futuristi nelle macchine e nelle navi, negli aerei e nei motori, temi di regime nei giovani sportivi e nella gente ispirata, come si è visto per il comunismo alla mostra “Realismi socialisti”.

Francesco Agosti, 1929;

Si andò oltre il Futurismo con il “Gruppo Piemontese per la Fotografia Artistica”, costituito a Torino nel 1921 da Bertoglio e Bricarelli con altri, ne fece parte Agosti;si persegue – è ancora la Bonetti – “quella sintesi compositiva che, in contrapposizione alla precedente maniera descrittiva ed aneddotica, era stata individuata all’epoca come l’elemento essenziale di una fotografia ‘modernista’” fatta di “un’astrazione geometrica che risente comunque del rigore classico e del monumentalismo del movimento novecentista”. Di Italo Bertoglio e Stefano Bricarelli sono esposte 5 opere ciascuno: del primo notiamo “Il Decennale”, con la piccola sentinellasovrastata dall’imponente architettura littoria, “Colonne, Paris”, tra il 1933 e il 1937; del secondo, “Benito Mussolini nel suo studio”  e il celebre “Rampa elicoidale della Fiat al Lingotto”, fino al muso della “Nuova Horch aerodinamica”, 1939, fotografia che fissa l’immagine senza alcun effetto fotodinamico futurista. Di Francesco Agostinotiamo 10 opere, tra le quali “Vasi di Murano” e “Studio di fiori”, appena sfumati. A questi si accostano i sottili disegni di “Fiori”  di Giorgio Morandi, come a certe figure di ritrattistica gli  “Autoritratti” in pomposi costumi d’epoca di Giorgio de Chirico.

Giorgio de Chirico, 1934-35

Con Luigi Veronesi, il modernismo italiano entra nell’astrazione, alla fine degli anni ’20, in un’arte non figurativa: la fotografia indaga la realtà senza riprodurla, al contrario superando l’apparenza secondo il “principio di integrazione” che regola le relazioni tra gli oggetti; e utilizzando il fotogramma che viene impressionato direttamente senza macchina riconducendo agli elementi primari come luce e superficie sensibile con la prevalenza della forma elementare sul contenuto. Una forma fotografica che viene smaterializzata come nelle opere dell’astrattismo pittorico. Se ne vedono esempi, tra le sue opere esposte, 15 in evidenza, in “Fotogramma su lastra” e “Controtipo su pellicola”, siamo nel 1937; anche “Quadrifoglio”  è un fotogramma, è il 1950.

Tecnica analoga in due opere astratte di Franco Grignani,Fotogramma a luce inclinata” e “Interferenze dinamiche”. Surrealista, invece, l’opera di Carlo Mollino, “Ritratto con farfalla”, 1935, enigmatica figura femminile in un’atmosfera sospesa, un “doppio” con il confronto sogno- realtà.

Luigi Veronesi, 1937

L’ultimo artista che citiamo in questa rassegna del modernismo in mostra è Giuseppe Cavalli, vediamo in particolare 9 opere, alcune plurime, dal 1940 al 1950 ed oltre: è cultore della dimensione “puramente estetica” della fotografia al di là di “ogni tecnicismo, contenutismo, impellenza documentaria”, mossa solo dalla “intuizione fotografica”; peraltro, conosceva a fondo la tecnologia fotografica e le prassi operative basate sulla ripetizione dei soggetti, la costruzione compositiva con varianti e tagli e il mutare delle trasparenze. Si intitola appunto” Composizione”  una sua opera, molte altre sono “Senza titolo”: immagini serene, spesso evanescenti, di “forma pura”.

Si conclude il modernismo ma non la mostra, ci sono ancora le opere della Collezione, dal 1960 al 2000, ne scorriamo 40 di 25 autori contemporanei. Vediamo sfilare l’Arte povera, Pop, concettuale degli anni ’60, le sperimentazioni artistiche degli anni ’70, l’opera fotografica di Luigi Ghiri e Paolo Gioli, fino agli anni ’80, le opere a matrice fotografica degli anni ’90. Abbiamo detto 40 opere, ma molte sono plurime, ricordiamo per tutti “Le ore”, di Luigi Ontani, 1975, 24 gigantografie con la sua figura a colori forti, sono il rutilante divisorio centrale di una delle grandi sale della mostra.

Franco Grignani, 1954

Terminiamo citando i più vicini a noi,  per i quali basta ricordare i nomi, Mario Schifano  e Tano Festa, Giulio Paolini  e Michelangelo Pistoletto,  Pino Pascali  e  Giosetta Fioroni, Mario Cresci e Luca Maria Patella, Stefano Arientie Vanessa Bancroft, Sarah Ciriaci  e Davide Galliano, Luisa Lambri e Myriam Laplante, Eva Marisaldi e Cristiano Pintaldi.

C’è tutto nell’esposizione, la miniatura fotografica e anche pittorica, il kolossal di questa ed altre opere contemporanee. Ma soprattutto c’è la storia delle fotografia ripercorsa in un viaggio esaltante attraverso 500 opere.

Per dare un sigillo adeguato alla rassegna di 150 anni di fotografia nei rapporti con l’arte, ci sembra appropriato quanto scrisse Francesco Savinio nel 1907: ”Oltre ai servizi diretti che la fotografia rende ai pittori, essa ha impresso il proprio carattere nella ‘mente’ di tutte le arti”; Fino a dire: “Le arti vanno divise in prefotografiche e postfotografiche”.

E’ il miglior complimento che si poteva fare alla fotografia, a cui per una certa fase è stata negata la qualifica di arte, poi invece universalmente riconosciuta. Come era ed è naturale, anzi doveroso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FOTO-ARTE-3-9-264.jpg
Giorgio Morandi, 1943

Info

Galleria Nazionale d’Arte Moderna, viale delle Belle Arti 131, da martedì a domenica dalle ore 8,30 alle 19,30, lunedì chiuso. Ingresso alle mostre euro 10,00, ridotto euro 8,00 (over 65, under 18, gruppi e speciali categorie), scuole 5,00. Tel. 06.32298221; www.gnam.beniculturali.it.  Catalogo “Arte in Italia dopo la fotografia” 1850-2000″” a cura di Maria Antonella Fusco e Maria Vittoria Marini Ciarelli, Editore Electa, pp. 328, formato 21,5 x 28; dal Catalogo sono tratte le citazioni del testo. I primi due articoli sulla mostra sono usciti in questa rivista “on line”  il 25 febbraio, e il 1° marzo 2012. Aggiornamento: nella ripubblicazione attuale, i primi due articoli sono usciti in questo sito il 26 dicembre, con un’introduzione sui motivi dell’iniziativa, e il 27 dicembre 2019. Sugli artisti citati nel testo, cfr. in www.arteculturaoggi.com i nostri articoli su de Chirico, 3, 5, 7, 9, 11, 13, 15, 18, 20, 22, 25, 27, 29 settembre, 22, 24, 26 novembre 2019, 17, 21 dicembre 2016, 1° marzo 2015, 20, 26 giugno, 1° luglio 2013; Balla e i Futuristi 7 marzo 2018, 27 gennaio e 24 novembre 2017, 19 febbraio 2015, 2 marzo 2014, 2 marzo e 1° dicembre 2013; Morandi 17, 28 maggio 2015; Patella 18 aprile 2015; Fioroni gennaio 2014,;istoletto 11 aprile 2013, D’Annunzio 12, 14, 16, 18, 20, 22 marzo 2013; e un fotografo non citato, De Antonis 29 dicembre 2016. In cultura.inabruzzo,it , de Chirico 10, 11 luglio 2010, 27 agosto, 22 dicembre 2009; Paolini 10 luglio 2010. In fotografia.guidaconsumatore, Ghergo 11  aprile 2012,;Rodcenko, 2 articoli 27 dicembre 2011; Schifano 15 maggio 2011 (gli ultimi due siti non sono più raggiungibilei gli articoli saranno trasferiti su altro sito).

Foto

Le immagini sono tratte dal Catalogo, si ringrazia l’editore Electa, con i titolari dei diritti, per l’opportunità offerta; viene indicato il nome dell’autore e l’anno delle opere, riportate per lo più nell’ordine in cui gli artisti sono citati. In apertura, opera di Anton Giulio e Artura Bragaglia, 1914; seguono, opere di Ghitta Carell, anni ’30, e Italo Bertoglio, 1933; poi, di Stefano Bricarelli, 1939, e Francesco Agosti, 1929; quindi, di Giorgio de Chirico, 1934-35, e Luigi Veronesi, 1937; inoltre, di Franco Grignani, 1954, e Giorgio Morandi, 1943; in chiusura, opera di Luca Maria Patella, 1966-67.

fotografia.guidaconsumatore – Autore: Romano Maria Levante – pubblicazione in data 11 aprile 2012 – Email levante@guidaconsumatore.com

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FOTO-ARTE-3-10-281.jpg
Luca Maria Patella, 1966-67

Unisciti alla discussione

36 commenti

    1. Dear Adolfo, you can glimpse and discover also my articles too in another web site, http://www.arteculturaoggi.com with 500 my articles from 2012, october till 2019, april. Opening it can be a long walk-through useful for a reader inteerested in art and culture as you are, if you want you can put posts with comment also in that site. Thank you for your attention towards my web site and me.

  1. Nice post. I learn something more challenging on different blogs everyday. It will always be stimulating to read content from other writers and practice a little something from their store. I?d prefer to use some with the content on my blog whether you don?t mind. Natually I?ll give you a link on your web blog. Thanks for sharing.

    1. Dear Hitchen, thank you for your appreciation, you are a skilled reader and so I’m very happy for this contact with you; in your blog-store you can include also another my blog, http://www.arteculturaoggi.com (final .com instead of .it as the present site) with 500 my articles from 2012, october, till 2019, april, when I opened the present site leaving open the former. You can use the references you want to my articles’s content and I’ll be happy to receive the promised links. Thank you for sharing with me your interest in srt and culture.

  2. Unquestionably consider that that you stated. Your favourite reason seemed to be on the net the simplest thing to bear in mind of. I say to you, I certainly get irked at the same time as other folks consider concerns that they just don’t recognise about. You managed to hit the nail upon the top as well as defined out the entire thing without having side-effects , people can take a signal. Will probably be back to get more. Thank you|

    1. To Aversano, it’s impossible not to answer to this kind compliment, but I fear that adversising is the secret reason of your post and of a lot of other very short posts which don’t comment the article but only look for a space in my web site in a incorrect way. I am erasing them, yours is save only for its kindness. So, if your comment is sincere, thank you, but if yours is advertising i ask you to avoid such a squalid behaviour in the future.

  3. Fantastic goods from you, man. I have consider your stuff previous to and you’re simply extremely fantastic. I really like what you have acquired here, certainly like what you’re stating and the way through which you say it. You are making it entertaining and you continue to take care of to keep it sensible. I cant wait to learn much more from you. This is really a great web site.|

  4. Hola! I’ve been reading your web site for a long time now and finally got the courage to go ahead and give you a shout out from Lubbock Texas! Just wanted to say keep up the excellent job!|

  5. After going over a number of the articles on your site, I seriously appreciate your technique of blogging. I bookmarked it to my bookmark site list and will be checking back in the near future. Take a look at my web site too and let me know your opinion.

  6. Nice post. I learn some thing tougher on distinct blogs everyday. Most commonly it is stimulating to learn to read content from other writers and exercise a specific thing there. I’d would rather use some together with the content in my weblog no matter whether you don’t mind. Natually I’ll provide you with a link in your web weblog. Many thanks for sharing.Olin Flink

  7. I have to thank you for the efforts you have put in penning this site. I am hoping to view the same high-grade content from you in the future as well. In fact, your creative writing abilities has inspired me to get my very own blog now 😉

  8. Hi, I do think this is an excellent web site. I stumbledupon it 😉 I’m going to return yet again since i have bookmarked it. Money and freedom is the best way to change, may you be rich and continue to guide others.

  9. I feel that is one of the most vital info for me. And i am
    satisfied studying your article. But want to commentary
    on some normal issues, The site style is great, the articles is
    truly nice : D. Good process, cheers

  10. Howdy! This is my first visit to your blog! We are a team of volunteers and starting a new project in a community in the same niche. Your blog provided us valuable information to work on. You have done a extraordinary job!

  11. That is the appropriate blog for anybody who needs to search out out about this topic. You notice so much its almost arduous to argue with you (not that I actually would want…HaHa). You positively put a new spin on a subject thats been written about for years. Great stuff, simply great!

  12. Magnificent goods from you, man. I have understand
    your stuff previous to and you’re just extremely fantastic.
    I actually like what you’ve acquired here, really
    like what you are saying and the way in which you say it.
    You make it enjoyable and you still take care of to keep it wise.
    I cant wait to read much more from you. This is really a
    wonderful website.

  13. I am extremely inspired with your writing talents and also with the layout on your blog. Is this a paid subject or did you modify it yourself? Either way stay up the excellent high quality writing, it’s rare to peer a great weblog like this one these days..

  14. I wish to convey my passion for your kindness in support of people that must have guidance on the concept. Your real dedication to getting the message all-around has been amazingly significant and has all the time empowered ladies much like me to attain their endeavors. Your amazing informative guide signifies a whole lot to me and especially to my fellow workers. Thank you; from everyone of us.

  15. When someone writes an article he/she maintains the idea of a user in his/her brain that how a user can understand it. Thus that’s why this piece of writing is great. Thanks!|

  16. Hi there, I found your blog via Google at the same time as searching for a related topic, your web site got here up, it seems great. I’ve bookmarked it in my google bookmarks.

  17. Very good blog you have here but I was wanting to know if you knew of any user discussion forums that cover the same topics talked about here? I’d really love to be a part of group where I can get feed-back from other experienced individuals that share the same interest. If you have any suggestions, please let me know. Thanks!|

  18. you’re really a excellent webmaster. The site loading speed is amazing. It seems that you’re doing any distinctive trick. In addition, The contents are masterwork. you have done a great job in this topic!

  19. Have you ever thought about adding a little bit more than just your articles? I mean, what you say is valuable and all. But think about if you added some great pictures or videos to give your posts more, “pop”! Your content is excellent but with images and video clips, this website could undeniably be one of the most beneficial in its niche. Fantastic blog!|

  20. It’s actually a great and useful piece of info. I am happy that you simply shared this helpful information with us. Please stay us up to date like this. Thank you for sharing.|

  21. Nice post. I was checking constantly this blog and I’m impressed! Extremely useful information specifically the last part 🙂 I care for such info a lot. I was looking for this particular information for a very long time. Thank you and best of luck.|

  22. Hi I am so excited I found your blog, I really found you by accident, while I
    was searching on Bing for something else, Nonetheless I am here now and would just like to say
    thank you for a incredible post and a all round entertaining blog (I also
    love the theme/design), I don’t have time to look over it all at the moment but I have book-marked it and also
    included your RSS feeds, so when I have time I will be back to read a lot more,
    Please do keep up the excellent jo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *